BENEDIZIONE APACHE

Che il sole ti porti nuova energia durante il giorno,
che la luna dolcemente ti rigeneri di notte,
che la pioggia ti lavi via le preoccupazioni,
che il vento soffi nuova forza nel tuo essere,
che tu possa camminare per il mondo e conoscere
la sua bellezza tutti i giorni della tua Vita.

ALBERT EINSTEIN – Religiosità cosmica

«La più bella sensazione è il lato misterioso della vita. È il sentimento profondo che si trova sempre nella culla dell’arte e della scienza pura. Chi non è più in grado di provare né stupore né sorpresa è per così dire morto; i suoi occhi sono spenti. L’impressione del misterioso, sia pure mista a timore, ha suscitato, tra l’altro, la religione. Sapere che esiste qualcosa di impenetrabile, conoscere le manifestazioni dell’intelletto più profondo e della bellezza più luminosa, che sono accessibili alla nostra ragione solo nelle forme più primitive, questa conoscenza e questo sentimento, ecco la vera devozione; in questo senso, e soltanto in questo senso, io sono fra gli uomini più profondamente religiosi»

(tratto da “Religione cosmica” – Albert Einstein)

ESSERE ILLUMINATO – Gautama Buddha

Avendo la visione del mondo intero, del mondo tutto, così come realmente è, egli si scioglie dal mondo ed è senza simili nel mondo. Superatore di ogni cosa, incrollabile, libero da ogni vincolo il supremo riposo appartiene a lui che, senza paura per ogni verso, ha conseguito il nirvāṇa. Questo essere illuminato, che ha distrutto le manie, senza turbamenti, libero dal dubbio, ha raggiunto la distruzione di ogni karma e per la distruzione del substrato karmico è un liberato.

Gautama Buddha

STELLE, NATURA e SAGGEZZA – Ralph Waldo Emerson

Per stare in solitudine l’uomo ha bisogno di ritirarsi tanto dalla sua camera quanto dalla società. Non vivo in solitudine finché leggo o scrivo anche se nessuno è con me. Ma se un uomo vuole essere solo che guardi alle stelle. I raggi che vengono da quei mondi celesti introdurranno una barriera tra lui e le cose volgari. Si potrebbe pensare che l’atmosfera sia stata creata trasparente allo scopo di mettere l’uomo nei corpi celesti alla perpetua presenza del sublime. Come sono straordinari visti nelle strade delle città! Se le stelle apparissero una notte ogni mille anni come potrebbero gli uomini credere e adorare e preservare per molte generazioni il ricordo dell’apparizione della città di Dio! Ma sorgono ogni notte questi messaggeri della bellezza e illuminano l’universo con il loro sorriso ammonitore.
Le stelle risvegliano una certa reverenza perché pur essendo sempre presenti sono sempre inaccessibili; ma tutti gli oggetti naturali fanno un’impressione simile quando la mente è aperta alla loro influenza. La Natura non veste mai una mediocre apparenza. Né l’uomo più saggio può strapparle i suoi segreti e perdere ogni curiosità scoprendo tutta la sua perfezione. La Natura non è mai diventata un giocattolo per uno spirito saggio.

Ralph Waldo Emerson

RIFLESSIONE – Dalai Lama

Quello che mi sorprende degli uomini è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.

Tenzin Gyatso
XIV Dalai Lama del Tibet

MASARU EMOTO – L’uomo è acqua

«… L’uomo è acqua. Questo dato di fatto è la chiave per risolvere tutti gli enigmi del mondo. Se noi osserviamo da questo punto di vista il mondo che ci circonda, vediamo un panorama completamente diverso da quello visto finora. Gli innumerevoli drammi che noi uomini creiamo sono come storie rispecchiate dall’acqua. La società umana è un unico grande mare. Facendo cadere in qualunque forma delle gocce d’acqua in questo mare, prendiamo parte attiva alla società…»

(tratto da “La risposta dell’acqua” Masaru Emoto)

DETHLEFSEN – Il percorso dell’Uomo

«…  Solo quando l’uomo è pronto ad assumersi tutta la responsabilità di quello che vive e che gli accade, scopre la significatività del destino. La malattia del nostro tempo è la mancanza di significato della vita, e questa mancanza di significato ha sradicato l’uomo dal cosmo. La mancanza di significato è il prezzo che l’umanità ha dovuto pagare per il suo tentativo di evitare la responsabilità. I segni del tempo portano a pensare che questa malattia collettiva si trasformerà in salvezza e sempre più persone saranno indotte a riconquistare il senso del loro esistere.
Chi è disponibile ad assumersi la responsabilità del proprio destino si ritrova inserito nelle leggi di questo universo e perde tutte le paure in quanto ha ritrovato il rapporto con la sua origine prima. Soltanto questo ritrovato rapporto è il contenuto della vera “religio”. Solo la conoscenza della propria origine prima consente all’uomo di riconoscere il proprio fine. Il fine è la perfezione. La perfezione è l’espressione dell’unità. Questa unità noi la chiamiamo Dio».

(tratto da “Il destino come scelta” – Thorwald Dethlefsen)

GURDJIEFF – l’Evoluzione

«… l’Evoluzione dell’uomo può essere considerata come lo sviluppo in lui di quei poteri e quelle possibilità che non si sviluppano mai da sole, ovvero in modo meccanico. Solo questo tipo di sviluppo, solo questo tipo di crescita consente una reale evoluzione dell’uomo. Non vi è, né vi può essere un qualsiasi altro tipo di evoluzione…
Parlando di evoluzione, è necessario comprendere fin dall’inizio che non è possibile alcuna evoluzione meccanica. L’evoluzione dell’uomo è l’evoluzione della sua coscienza. E la coscienza non può evolvere incoscientemente. L’evoluzione dell’uomo è l’evoluzione della sua volontà, e la “volontà” non può evolvere involontariamente. L’evoluzione dell’uomo è l’evoluzione del suo potere di fare e “fare” non può essere il risultato di cose che “succedono”».

(tratto da “Frammenti di un insegnamento sconosciuto” – Peter D. Ouspensky)


KRIYANANDA – Il punto di mezzo

Vivi il più possibile nel punto di mezzo fra tutti gli opposti: è lì che dimora lo Spirito Infinito. Ogni cosa nella Creazione è duale. È così che l’Uno è diventato molti. Ogni ‘alto’ è cancellato da un ‘basso’; la luce è equilibrata dall’oscurità; il piacere dal dolore; l’amore di tipo emotivo dall’odio (uso l’espressione ‘amore emotivo’ perché non c’è nessun opposto per l’amore divino e nessun opposto che equilibri la gioia divina). Le verità eterne sono come il punto di mezzo fra tutti gli opposti. Per questo ti dico: Vivi più nel tuo centro, nel cuore.

Swami Kriyananda


INFINITO ALTRUISMO – Dalai Lama

Infinito altruismo significa
altruismo senza limiti.
Non solo verso gli esseri umani,
ma anche verso gli animali,
anche i più piccoli insetti.
Non solo per gli amici,
ma anche per i nemici.
Non solo verso questo mondo
ma anche verso infiniti mondi.

Tenzin Gyatso
XIV Dalai Lama del Tibet