ARRABBIARSI CON DIO

Spesso tutti e dico proprio tutti ( atei compresi ) si sono arrabbiati con Dio. Chi perché ha fatto tardi al suo primo giorno di lavoro, chi perché si è macchiato cinque minuti prima del colloquio fatidico la camicia bianca, chi per la morte di un proprio caro, chi per la malattia di un proprio caro, chi per ecc … Dico tutti hanno avuto nella loro vita, in qualche momento della loro vita, una ” scazzottata ” con Dio. Al di là delle varie religioni e filosofie dove Dio ha sempre una scusante, nella nostra vita di tutti i giorni sorge spesso questa domanda: ” perché permetti tutto questo? “. Esiste una risposta e, per quanto riguarda il mondo Cristiano, pensando al Cristo direbbe : ” permetto tutto ciò perché ti amo. “. “Che assurdità!, se mi amavi perché mi sono ammalato in maniera grave? Sei sadico? “. Esso, il Cristo risponderebbe : ” attraverso di te manifesto la mia misericordia ” Ed ecco infatti che, dalla rabbia si passa al dialogo e, come un viaggio o un dialogo con l’Uno, si intuisce che tutto avviene per una logica che non ci è dato da capire ma che, se accettata, se si accetta la propria croce, ecco che una mano la solleva, la rende più leggera, tutto traspare una sottile serenità che coinvolge tutte le persone intorno a noi. ” Ma come fa a vivere così e ad essere sereno? “, ” Lui dice che ha Fede! ” , ” Se la sua Fede fa queste cose anche io voglio avere Fede”. E allora sì cari signori, non scandalizziamoci come facevano un tempo i farisei, i cosiddetti “puri” davanti al Tempio di Dio, arrabbiamoci con lui, facciamolo spesso se qualcosa ci fa davvero arrabbiare, purché continuiamo questo dialogo con Lui. Lui vuole questo, Lui vuole parlare con noi, con i nostri cuori, non importa come, se con le urla o con il silenzio. Te ne accorgerai perché dopo le urla, dopo il pensiero pesante e irato, dopo ripeto, se ascolterai, sarà quiete, sarà silenzio, sarà la sua presenza.

Che Dio vi benedica.

© Eugenio Ferraro

Autore: Eugenio Ferraro

Sono una persona comune che, per grazia ricevuta, si interroga tutti i giorni sulla vita, sulla realtà e su Dio condividendo tutto ciò che imparo a mie spese improvvisandomi scrittore vissuto con altre persone comuni che hanno ricevuto la mia stessa grazia. Alcune riflessioni vengono pubblicate sulla mia pagina di facebook ” Condividere la Luce “
https://www.facebook.com/Condividere-La-Luce-520531308326182/

Immagine dal web (Disclamer)